8news.it il giornale online dell'VIII municipio di Roma
seguici anche su: 

Garbatella, 93 anni tra attenzioni parolaie e disattenzioni concrete

La Garbatella come ogni anno festeggia il suo compleanno con una grande festa

La Garbatella
La Garbatella

Roma - Il 18 febbraio 1920 il re Vittorio Emanuele III pone la prima pietra a Piazza Brin e nel giro di due anni sorgono le prime abitazioni e la scalinata che riecheggia quella di Trinità dei Monti, nota come il Pincetto di Garbatella. Il quartiere, destinato ad ospitare gli operai dell’Ostiense, trae ispirazione dalle Città-giardino inglesi e tedesche e nei programmi dell’allora Assessore Paolo Orlando doveva diventare una colonia marina collegata ad Ostia. Rapidamente, mentre sul piano cittadino si accantona l’idea dello sviluppo marittimo, Garbatella cambia volto ed alle palazzine di piccole dimensioni, con tante finestre ed orto, si aggiungono costruzioni più simili a moderni condomini, di quattro o cinque piani, poi le “case rapide”, fatte con materiali più scadenti, infine un'edilizia più intensiva con consistente riduzione del verde.

Gli illustri architetti che si avvicendano, Innocenzo Sabatini, Gustavo Giovannoni, Massimo Piacentini, Mario De Renzi, Costantino Costantini, non rinunciano mai ad affiancare agli spazi privati numerose aree pubbliche, giardini, stenditoi, cortili, lavatoi, né a mantenere uno stile curato e con tratti ampiamente scenografici.” – dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI.

La struttura urbanistica, con la qualità estetica e la presenza di ampi spazi comuni, ha favorito in ogni momento una intensa vita comunitaria, con occasioni di incontro nei giardini, nei lotti, nelle osterie, nei siti religiosi, nelle numerose sedi politiche e associative. E’ qui che prendono forma alcuni aspetti chiari ed inequivocabili dell’identità territoriale, a più riprese rintracciabili nel corso storico: il legame con la tradizione popolare romana, come per Testaccio e Trastevere, l’appartenenza e la contiguità con il mondo operaio, elemento intrinseco e costitutivo, una connotazione politica e culturale marcatamente antifascista, ora istintuale ora più legata ad universi valoriali.

Garbatella nel passato ha recitato un ruolo di primo piano nei momenti fondamentali delle vicende cittadine e nazionali e di continuo ha espresso forme di partecipazione e protagonismo di prim’ordine.Andrea Catarci

Sono proprio questi spazi comuni che a 93 anni di distanza hanno un particolare bisogno di riqualificazione, insieme agli edifici ed ai piccoli grandi tesori disseminati dappertutto, come la prima pietra recentemente restaurata. Ma malgrado i tanti giudizi entusiasti che sono piovuti da ogni parte, nessuna delle Istituzioni competenti si è resa disponibile a raccogliere il grido d'allarme del Municipio Roma XI per elaborare ed attuare un Piano straordinario di manutenzione del quartiere. Ministeri nazionali, Regione Lazio, Roma Capitale, che negli anni precedenti ed in particolare in occasione del novantesimo si erano dichiarati a parole disponibili sono poi svaniti nel nulla e non hanno mai partecipato ai tavoli di lavoro convocati più volte dal Municipio Roma XI. Per questo – continua Catarci - nella celebrazione odierna a Piazza Brin non si è ritenuto opportuno invitare nessun rappresentante di altri Enti, a cominciare da quelli della Giunta Alemanno, perchè si è stufi di essere presi in giro con parole compiacenti il giorno del compleanno a cui seguono 364 giorni di disattenzione e noncuranza.

Auguri Garbatella.

articolo letto 1312 volte
condividi con facebook

Commenti           

commenta l'articolo oppure

© 2019 Giancarlo Abruzzese & 8News.it.