8news.it il giornale online dell'VIII municipio di Roma
seguici anche su: 

Un tuffo nel passato a Garbatella. Deserto all'orizzonte

Una passeggiata lungo i ricordi, dentro i lotti, cercando o scontrando le persone che una volta erano visi quotidiani. Un tuffo nostalgico per un passato ribelle e pieno, alla ricerca di un presente sconosciuto e vuoto.

panni stesi al sole
panni stesi al sole

Roma - Passeggiando per la Garbatella ho incontrato persone del passato: una signora che abita vicino a dove abitavo io. Riusciamo a comunicare subito e mi racconta della sua solitudine, mi dice che  nella palazzina non c'è più nessuno degli anni andati. E' malandata, si vede, ma si impegna a lavorare ancora come sarta. Ricordiamo con piacere i tempi in cui la Garbatella era un paese e tutti si conoscevano e si aiutavano. Io un'estate ero andata da lei a imparare un po di cucito. C'è accettazione nel suo parlare e mi riscalda l'animo. Proseguendo la passeggiata m'imbatto in una persona molto anziana, accompagnata da un filippino. Abita nella stessa palazzina di tanti anni fa. Esprime calore umano, mi ha parlato della moglie e dei figli e delle persone che conoscevamo entrambe e che non ci sono più. Un tuffo nel passato e un ritorno al presente. Ho cercato di prendere contatti con Don Guglielmo del gruppo laico di ricerca, con sede  a Garbatella. Scopro però che Don Guglielmo ha interrotto la sua attività perché intorno a se sente la mediocrità crescere ed è deluso perché non vede nessuno contrastarla, combatterla. Ma al contrario registra che la gente si adagia su di essa. E' questo il discorso del passato e del presente, siamo imbottigliati in un mondo in cui ci sono guerre e nessuno reagisce, nessuno dice no. Una signora mi diceva che ascoltare certe notizie non fa bene alla mia salute. Il mondo del passato ormai è finito, era un mondo in cui eravamo in molti a ribellarci, la sabbia ricopre ogni cosa e il deserto ci circonda.

Anni fa ho visto un film che descriveva proprio la società attuale e mi sembrava impossibile un mondo del genere, è solo un film ho pensato vedendoloLuciana Salvatori
Il deserto va smantellato. Don Guglielmo con le sue denunce sferzanti ha risvegliato tante volte le nostre coscienze. Non credo che desista perché il suo compito è questo e un giorno ha detto che avrebbe continuato anche da solo. Sappiamo quello che è successo dagli anni 80 in poi, è stato un cambiamento antropologico che ha distrutto il mondo del passato che a Garbatella ancora esprime qualcosa e che Pasolini aveva preconizzato, non da nostalgico, ma da lucido intellettuale.

articolo letto 979 volte
shares shares x shares

Commenti           

commenta l'articolo oppure

© 2013 Giancarlo Abruzzese & 8News.it.