8news.it il giornale online dell'VIII municipio di Roma
seguici anche su: 

1967-2020: un viaggio nello spazio lungo 43 anni

Una conferenza a Roma Tre sulle scoperte che si sono susseguite da quando l'uomo ha messo il primo piede sulla luna.

Alnilam - immagine da wikipedia
Alnilam - immagine da wikipedia

Roma -

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtude e conoscenza"affermava Ulisse nel 25 canto dell'inferno
.  L'uomo  fin dalle origini ha seguito un percorso conoscitivo che lo ha portato oltre le colonne d'Ercole: con le zattere attraversato i mari e ora è arrivato con le sonde e con gli studi a studiare i limiti dell'universo.Da oltre 30 anni mi sto dedicando ad approfondire vari temi e ora, anche se in pensione sono in contatto con Roma3 e con l'Anisn, una associazione di insegnanti per essere informata sugli sviluppi della ricerca scientifica.

Il 24 gennaio L'Università di Roma Tre ha organizzato una conferenza con il professor Parotto eminente geologo, molto impegnato nel suo campo, conferenza che verteva sull'astronomia del sistema solare e sulla geologia dei pianeti. Ho incontrato il prof.re Parotto qualche tempo fa nel suo studio per avere campioni di rocce da far vedere ai ragazzi che frequentano il doposcuola volontario presso la mia abitazione e che sta riscuotendo molto successo. Il prof.re ha iniziato il suo excursus partendo dalla visione tolemaica del sistema solare che poneva la terra al centro dell'universo e poi ha illustrato come è stata smantellata da scienziati come Copernico, keplero, Newton, Galileo. Sono stata affascinata dalle scoperte che si sono susseguite da quando l'uomo ha messo piede sulla luna. Il primo sputnik che significa compagno di viaggio è del 1957, nel 1969 l'uomo è disceso sulla luna. Nel 1977 è stato inviato un voyager che nel 2020 dovrebbe arrivare ai limiti del sistema solare.La sonda cassini nel 1977 ha raggiunto saturno ed è arrivata su un suo satellite, Mercurio è sotto la lente di Messenger che in due passaggi ravvicinati del 1974 e 75 ha scattato le prime immagini dettagliate della sua superficie. Tutti i pianeti hanno l'imprinting del bombardamento di meteoriti che ha causato la craterizzazione, soprattutto la luna e mercurio, questo è avvenuto nel primo miliardo di anni. Anche la terra conserva alcuni di questi crateri: Venere è coperta di nubi con atmosfera densa e temperatura di 460 gradi in superficie, manca l'idrosfera e c'è effetto serra. Su Marte c'è atmosfera di anidride carbonica e la temperatura è di -55 gradi, dove è andata a finire l'acqua che un tempo era presente? Marte deve aver avuto un effetto serra: la Terra ha una temperatura media di 15 gradi, ha un effetto serra quanto basta e ha un'intensa attività geologica. La Luna è composta di mari (basalti) e montagne di 3-4 miliardi di anni e presenta la roccia più antica (anortosite) Il materiale fuso è risalito e ha formato i mari, le montagne sono più antiche. Sono tre miliardi di anni che la luna non ha più attività. Giove è gassoso e  una sonda ha captato un'eruzione vulcanica. Europa è formata da ghiaccio d'acqua e sotto c'è un oceano d'acqua. Anche Ganimede come Europa potrebbe avere tracce di vita. Titano ha laghi di metano e atmosfera di azoto. Le comete sono ammassi di ghiaccio e hanno contribuito a formare gli oceani sulla Terra. Al di là del sistema solare c'è la fascia di Kuipper piena zeppa di asteroidi, Plutone è considerato un asteroide. La missione new horizons nel 2015 scenderà su Plutone e studierà la fascia di Kuipper. Con la missione Rosetta del 2004-2014 ne sapremo di più sullo spazio intorno al sistema solare. Nello spazio abbiamo molecole di sostanze organiche che non sono la vita, ma dei mattoni importanti, Sono stati scoperti ottocento esopianeti e su qualcuno potrebbero essere presente forme di  vita. Nello spazio oltre il sistema solare ci sono ammassi stellari con stelle azzurre giovani e galassie. Le galassie si fondono e la nostra galassia è destinata a fondersi con la galassia di Andromeda ad essa vicina formando una ambiente unico immerso nell'oscurità. Siamo ai limiti dell'universo da quando si è formato il big bang, la grande esplosione. Siamo affascinati del percorso compiuto dall'umanità, abbiamo veramente oltrepassato le colonne d'ercole.

argomenti: Roma Tre / Astronomia / Scoperte / Scienze
articolo letto 1070 volte
shares shares x shares

Commenti           

commenta l'articolo oppure

© 2013 Giancarlo Abruzzese & 8News.it.